Cosa sono i nevi

I nevi, o più correttamente detti nei, possono essere presenti sin dalla nascita o apparire durante la vita dell’individuo. Possono avere colori e forme differenti e per questo è necessario tenerli sotto controllo per valutare l’opportunità di asportarli o meno.

Le tecniche più diffuse per l’asportazione dei nevi sono l’asportazione chirurgica e con laser. La prima è un intervento a tutti gli effetti e permette di eseguire l’esame istologico della parte sottratta mentre il laser è consigliabile quando si tratta di nevi la cui natura benigna è ben certa e distrugge il neo con il calore.

Come prepararsi alla visita

Non è richiesta una preparazione specifica, piuttosto dopo l’asportazione chirurgica dei nevi è necessaria una terapia antibiotica, antinfiammatoria, medicazioni e rimozione dei punti di sutura dopo 7/10 giorni.

Si sconsiglia l’esposizione solare per i due mesi successivi.

Come si svolge

L’asportazione dei nei avviene con bisturi previa anestesia, la procedura è indolore, seguita da applicazione di punti di sutura e medicazione.
La durata dell’intervento è di pochi minuti ed il pezzo asportato viene generalmente inviato in anatomia patologica per esame istologico.

In relazione alla sede del nevo asportato si richiede attenzione nei movimenti e sospensione di attività fisica per il buon esito della cicatrizzazione.